Breve “anatomia” del cappello

SHARE THIS

Lo indossate ogni giorno (o per lo meno, secondo noi dovreste) eppure conoscete a malapena i nomi delle singole parti che lo compongono.

Oggi vi portiamo a lezione di “anatomia” e vi insegnamo a dare un nome (e una definizione) a ciascuna componente del vostro Borsalino in modo che d'ora in poi possiate nominare correttamente ogni angolazione del vostro fedora, o trilby, o porkpie…

 

B per "bozze": fossette posizionate sulla parte anteriore del cappello.

C per “cinta” (o “fascia”) – striscia di materiale vario che si avvolge intorno a qualcosa per tenere insieme, proteggere, comprimere o sostenere…per noi: nastro, solitamente di gros-grain, sigillato a un lato del cappello con un nodo o fiocco.

Oppure C per “cupola” (o “corona”) - calotta, parte alta e in parte vuota di un cappello.

F per “falda” (o “tesa”) - parte sporgente del cappello che gira attorno alla base della cupola.

Immagine: http://www.mnswr.com/

Definizioni: Garzanti [http://www.garzantilinguistica.it]